MENU

Clip filmato o animazione cosa serve alla tua azienda?

Video vs Motion graphics

I motivi principali che dovrebbero indurre un’azienda a produrre un video basato su grafica animata sono essenzialmente legati a tre fattori: flessibilità nella realizzazione e nell’impiego, gradazione ed ammortamento dei costi, rinuncia a riprese in azienda ed ai conseguenti disagi nel coinvolgimento degli spazi dello stabilimento aziendale e del personale.

I vantaggi di un corto animato non si fermano a questo ma riguardano molteplici aspetti da tenere in considerazione se si sta pensando ad un clip aziendale, funzionale o di prodotto.

Nel primo pezzo su Micro kid ho deciso di parlare dei vantaggi che si incontrano nel realizzare filmati commerciali basati su grafica animata piuttosto che su riprese.

Nei prossimi post correlati affronteremo il tema della complessità di realizzazione e tutte le fasi di lavorazione di filmati e spot basati su motion graphics e successivamente andremo a scoprire il dietro le quinte affrontando in particolare tutti gli aspetti legati alle tecniche descritte nel precedente articolo.

L’obiettivo che mi pongo è far capire in quali casi è preferibile il clip animato e quando invece sia sconsigliato.

Questo articolo è indirizzato a chiunque stia pensando ad un video di questo genere per promuovere o illustrare un proprio prodotto o un proprio servizio e voglia essere consapevole di come si realizza un cartone animato o un video basato su grafica.

Innanzitutto voglio chiarire cosa intendo per quello che ho definito in odi diversi come: clip animato, video in motion graphics, cartone animato, ecc. Ciò a cui mi riferisco sono quei particolari video realizzati totalmente senza riprese video e che utilizzano grafica di vario genere, inclusi disegni di personaggi ed oggetti (ma non necessariamente) per raccontare una storia oppure spiegare un prodotto o un servizio. Ad esso vengono quasi sempre associati dei commenti recitati da uno speaker e immancabile è la colonna sonora fatti di musiche ed effetti sonori atti a valorizzare specifiche animazioni o avvalorare concetti chiave.

Mi sto sforzando di non definire tutto questo un “cartone animato” perché potrebbe essere fuorviante e lasciare intendere che stiamo parlando di una nicchia di utilizzo mentre in realtà le motion clip offrono un notevole ventaglio di opportunità di impiego e di linguaggi diversi.


Flessibilità

Una delle caratteristiche che secondo me sono fondamentali per preferire lo spot animato è la flessibilità che offre crearne uno.

Innanzitutto non c’è necessità di assoldare troupe di lavoro numerose; bastano un illustratore, un character designer, un animatore, un compositore delle musiche ed uno speaker. Talvolta può essere richiesto un esperto in effetti speciali, ma non così frequentemente. Talvolta le prime tre figure coincidono, come nel caso di Micro Kid in cui illustratore, disegnatore di personaggi ed animatore sono la stessa persona.

Altri aspetti flessibili sono la possibilità di modificare in corso d’opera un maggior numero di aspetti del filmato ed intervenire sulla sceneggiatura senza dover ripetere le riprese.


Scalabilità dei costi

Anche i costi risultano piuttosto scalabili. Ciò dipende dal fatto che il cliente può avere l’esigenza di creare un cast di personaggi ad hoc (characters) come di accontentarsi di set di caratteri ed illustrazioni già presenti in databases gratuiti o a basso costo.

Spesso e volentieri anche quest’ultimi necessitano di un rimaneggiamento come vedremo nei prossimi articoli, però offrono il 90% del lavoro di disegno già fatto.

Per contro i materiali scaricati da internet non sono originali e possono essere riscontrati anche in altre produzioni.

Anche l’esigenza di effetti speciali non presenti online faranno lievitare i costi perché richiedono specifiche competenze e parecchio tempo in più nella realizzazione, nel rendering (cioè il tempo che il computer calcola gli effetti speciali) e nell’esportazione. Tipici esempi sono la fiamma realistica, la pioggia, animazione di elementi a movimento casuale o particolari riflessi calcolati dal computer.

Nella maggior parte dei casi tuttavia questo specifica esigenza è del tutto assente.


Tutto in studio

Un vantaggio evidente dei video animati è la possibilità di realizzare tutto in studio, senza quindi dover mettere a disposizione della troupe locali aziendali, reperire locations o creare scenografie e impegnare personale debitamente istruito per le riprese.

Tutto viene creato e modificato in studio e quindi può essere editato e rifatto senza dover ripetere riprese con i costi legati all’affitto delle apparecchiature.


Ciack si gira

Tutto quanto abbiamo appena visto ci introduce ad aspetti più tecnici ma che è facile comprendere quanto siano fondamentali.

Tutto il lavoro creato in studio è modificabile a lavoro in corso: dall’espressione del personaggio al suo look, dai colori della scenografia agli oggetti in essa presenti. Questo è estremamente utile nel caso si voglia realizzare un sequel di un episodio zero oppure si abbia già in mente di creare delle puntate da differire nel tempo sul web o in TV.

L’editabilità è molto importante se si vogliono creare delle varianti delle medesime scene o replicare parti di esse senza che lo spettatore se ne accorga.

Un’altra cosa importante è che nei corti animati spesso ci si può sbizzarrire nella regia anche a lavoro in corso modificando i movimenti di camera o migliorando scene insoddisfacenti. Un esempio è dato dalla seguente scena che inizialmente figurava molto più ingessata ma che con un ritocco alla regia è risultata molto più fluente e dinamica.

 


Questione di stile

Sentire parlare di cartoni animati non deve trarre in inganno facendo pensare che si tratti necessariamente di un aspetto burlesco. Il video animato si presta a numerose interpretazioni che vanno dal giocoso all’istituzionale e persino al tecnico come stiamo per vedere.


Per molto ma non per tutto

D’accordo, la motion graphics non sarà adatta a reclamizzare un’automobile di lusso o una crema per la pelle, però questo tipo di filmato è senza dubbio indicato a descrivere un servizio o le funzioni di un prodotto. E’ specialmente adatto ad illustrare concetti astratti che si vuole lasciare alla libera interpretazione dell’utente.

Un caso tipico è quello di CanGo, una social utility per lo scambio di merci. Il suo promo ha il compito di descrivere il meccanismo che la rende vantaggiosa rispetto ai comuni vettori a pagamento.


Universale

Il video tipo cartoon è molto chiaro e didascalico, quindi si presta per descrivere concetti teorici o aspetti tecnici come ad esempio quelli presenti in schede tecniche che come per magia possono essere animate e prendere vita. E’ ideale per realizzare istruzioni d’uso e tutorial di facile comprensione. Quindi anche come integrazione di filmati tradizionali la motion graphics è molto indicata.


Per integrare il video aziendale ed enfatizzare il logo

La motion graphics ci viene in aiuto anche in quei particolari casi in cui sia necessario integrare video aziendali e di prodotto con animazioni del logo, tipicamente frequente in apertura del video.


Aspetti psicologici

Con un cartone animato, anche se istituzionale è più facile sdrammatizzare e mantenere viva l’attenzione dell’utente.

Prova anche solo a pensare all’espressione che può fare un personaggio o alle situazioni assurde o paradossali che si possono creare per forzare determinati concetti senza ricorrere a riprese hollywoodiane. Tutto è possibile con l’animazione senza dover ricorrere a stunt men.

Con la stessa facilità con cui facciamo rilassare il pubblico ogni volta che rischiamo di essere troppo seriosi, così possiamo accendere in lui la tensione e drammatizzare scene buffe.


Titoli di coda

Avete mai considerato dei titoli di coda speciali? L’animazione grafica consente di creare piccole sigle di chiusura adatte a crediti oppure ad enfatizzare i dati societari o ancora ad elencare le sedi di uffici e stabilimenti.

Benché il lavoro di motion designer sia tutt’altro che scontato, anzi richiede di competenze molto specifiche e di una cultura che spazia dalla pura tecnica alle conoscenze dei vari aspetti cinematografici, occorre capire che nulla è lasciato al caso o all’improvvisazione quando si realizza un video in graphic animation. Occorrono anche doti artistiche che sappiano dare quel quid extra in grado di trasformare un video aziendale in un’occasione per distinguersi come una piccola opera che vada oltre i cliches standard.

Tutto è il frutto di anni di studio, esperienza e sacrifici che possono fare la differenza una volta che il vostro video sarà visibile al pubblico.


note: i brani musicali sono tutti di Kevin MacLeod – incompetech.

Related Post

Come si crea un filmato animato o un video in moti... Dal disegno all'animazione di un personaggio Come si crea un filmato animato? Dopo che nel precedente articolo sull'animazione abbiamo analizzato tu...
PIIGS, la storia di come ho disegnato la locandina PIIGS, la storia di come è nata la locandina Le storie si sa, spesso hanno un finale imprevedibile e spesso prendono strade che non vorremmo e, par...
COMMENTS: 2
  1. aprile 06, 2016 by Luigi Reply

    Buongiorno,

    ho trovato questo video su youtube,

    https://www.youtube.com/watch?v=vMmNRZ0io20

    Volevo sapere se eravate voi i realizzatori del cartone animato e
    quanto potrebbe costare un lavoro del genere per un video istituzionale di 12 secondi.

    in attesa di un suo gentile riscontro,
    le auguro una buona giornata.

    • aprile 06, 2016 by admin Reply

      Salve Luigi, gli autori siamo sempre noi. Attualmente ci stiamo strutturando, come si evince anche dai lavori in corso sul sito. Ne possiamo parlare in privato via: info@roger99.com.
      A presto.

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *